Istat: torna a salire la disoccupazione, compresa quella giovanile (di Giuseppe PALMA)

Secondo i dati Istat diffusi questa mattina in riferimento al mese di luglio 2017, il tasso di disoccupazione torna a salire all’11,3% (+0,2 punti), così come anche quello giovanile che schizza al 35,5% (+0,3 punti).

Come ho già fatto in alcune mie pubblicazioni, vorrei ricordare che l’indice NAIRU (non-accelerating inflation rate of unemployment), che misura il tasso di disoccupazione di equilibrio, elaborato dalla Commissione europea, prevede che la disoccupazione strutturale in Italia non deve scendere sotto l’11%.

Pertanto, fin quando rimarremmo nella gabbia UE-euro sarà sempre così. Con buona pace dei principi inderogabili della Costituzione primigenia! 

E sarebbe questa la ripresa economica sventolata dal Partito Democratico e dai giornalai di regime? Nel 2011, quindo ci fu il Colpo di Stato ai danni del Governo Berlusconi IV, la disoccupazione era all’8,4%, mentre quella giovanile sotto il 30%!

Prima Monti e poi Letta, Renzi e Gentiloni (tutti privi di qualsivoglia legittimazione democratica) stanno portando a compimento gli interessi della sovrastruttura €uropea e non quelli della Nazione!

Avv. Giuseppe Palma

“LA SOLITUDINE DI UNA GENERAZIONE SENZA LAVORO” – Raccolta di Poesie Sociali e dell’Essere sulla mancanza di lavoro (e-book di Giuseppe PALMA)

E’ uscito un mio nuovo libro. 

Trattasi di una raccolta in e-book di Poesie Sociali e dell’Essere circa la devastazione dell’animo umano a causa della mancanza di lavoro o della precarietà dello stesso: 

LA SOLITUDINE DI UNA GENERAZIONE SENZA LAVORO

Raccolta di Poesie Sociali e dell’Essere (come la crisi economica ha devastato l’animo umano)”

Autore: Giuseppe PALMA

Editore: Editrice GDS, giugno 2017

Formato: e-book; costo: € 0,99

§§§

Scrivo Poesie dal 1996. E’ stata la mia prima passione.

Il pubblico mi conosce ormai come scrittore di testi soprattutto di diritto costituzionale e diritto dell’Unione Europea, o anche come divulgatore storico e letterario. Meno come narratore. Ma certamente in pochi, tranne i compagni dell’ “età mia nova” (cit. Leopardi), mi conoscono come poeta. Tuttavia, come talvolta uso affermare nelle mie conferenze, “io nasco poeta”.

Dopo aver scritto e pubblicato otto saggi e tre racconti con i quali ho denunciato e messo in evidenza – da un lato tecnicamente e dall’altro in narrativa – i gravi aspetti di criticità sia dei Trattati europei che dell’Euro, oltre che spiegare la Costituzione, i suoi principi fondamentali e il suo rapporto critico con i Trattati UE e la moneta unica, ecco che su questi temi arriva anche la Poesia.

Ho messo dunque in Versi le terribili conseguenze della crisi economica compiendo un viaggio profondo nella devastazione dell’animo umano a causa della mancanza di lavoro o della precarietà dello stesso…

In questo libretto raccolgo pertanto quattordici mie composizioni poetiche degli ultimi anni su temi sociali e sull’indagine introspettiva dell’animo umano in merito alle conseguenze della crisi economica e della mancanza di lavoro.

Il capitale internazionale, che ha nell’euro il suo più solido strumento di governo, impone salari bassi e comprime le garanzie contrattuali e di legge in favore del lavoratore, quindi reprime violentemente – fino ad esautorarne il senso – il principio fondamentale del lavoro sul quale si fonda la nostra Repubblica ai sensi del primo comma dell’art. 1 della Costituzione.

Il resto lo fa l’intellighenzia di casa nostra, la quale, vigliaccamente assoggettatasi all’establishment eurocratico, non solo avalla il corso criminale della restaurazione globalista, ma si spinge addirittura oltre arrivando a giustificare finanche il lavoro gratuito, smembrando e stuprando uno dei pilastri fondamentali sul quale trova fondamento la Repubblica italiana. Il lavoro, infatti, secondo quelle che furono le intenzioni dei nostri Padri Costituenti, costituisce sia strumento di dignitoso sostentamento per il lavoratore e per la sua famiglia, ma anche – e soprattutto – strumento di progresso sociale e di sviluppo della persona umana.

Su questo, gli articoli 1, 4, 35, 36, 37 e 38  della Costituzione sono chiarissimi.

Infine, per quanto riguarda la politica, questa – al pari degli intellettuali salariati e degli scribacchini di regime – altro non fa che eseguire acriticamente gli ordini provenienti dalla sovrastruttura europea e dal capitale internazionale, stuprando quotidianamente la sovranità popolare e tutti i principi inderogabili della Costituzione primigenia.

Finora ho spiegato la modernità Restauratrice attraverso la saggistica e la narrativa. Non potevo non farlo anche attraverso la Poesia.

Questo è il mio 25° libro.

Buona lettura.

 Giuseppe PALMA

§§§

Chi volesse acquistare l’e-book:

Amazonhttps://www.amazon.it/solitudine-una-generazione-senza-lavoro-ebook/dp/B071KMZSSF/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1497960348&sr=1-1&keywords=la+solitudine+di+una+generazione+senza+lavoro

Ibs: https://www.ibs.it/solitudine-di-generazione-senza-lavoro-ebook-giuseppe-palma/e/9788867826391?inventoryId=75904606

Libreria Universitaria: https://www.libreriauniversitaria.it/ebook/9788867826391/autore-giuseppe-palma/la-solitudine-di-una-generazione-senza-lavoro-e-book.htm

BookRepublic: https://www.bookrepublic.it/book/9788867826391-la-solitudine-di-una-generazione-senza-lavoro/

Nelle prossime ore verrà continuamente aggiornato l’elenco delle librerie on-line presso le quali sarà possibile acquistare l’e-book.

§§§

Giuseppe PALMA

 

FAKE NEWS DEI MEDIA GLOBALISTI: LA DISOCCUPAZIONE E’ STABILE. FALSO! RISPETTO A GENNAIO DELLO SCORSO ANNO E’ SALITA (di Giuseppe PALMA)

Telegiornali e giornaloni nazionali diffondono la notizia che la disoccupazione, a gennaio 2017, è stabile rispetto allo stesso periodo dello scorso anno!

Falso! Consultando il sito dell’ISTAT, risulta che a gennaio 2016 la disoccupazione era all’11,6%, mentre a gennaio 2017 è salita all’11,9%, quindi un +0,3% rispetto al medesimo periodo di riferimento dell’anno precedente.

Nonostante gli 80 euro, il Quantitative Easing di Draghi, la decontribuzione ed il Jobs Act, la disoccupazione in Italia non ne vuole proprio sapere di scendere!

Lo dico da sempre: fin quando resteremo nell’euro, la disoccupazione non scenderà mai sotto il livello dell’11%! Infatti è proprio la Commissione Europea ad ammettere che la disoccupazione strutturale in Italia non può scendere sotto l’11% (secondo il cosiddetto indice NEWRU). Questo vuol dire che l’unico modo per far scendere il tasso di disoccupazione sotto l’11% è quello di ridurre i salari degli stabilizzati e contrarre ulteriormente i diritti fondamentali dei lavoratori.

L’euro è un crimine contro il diritto al lavoro e contro i diritti fondamentali costituzionalmente garantiti al lavoratore!

Giuseppe PALMA

 

INPS: E’ CROLLO DI ASSUNZIONI. Il Jobs Act ha fallito, ma la colpa è dell’EURO (di Giuseppe PALMA)

INPS: E’ CROLLO DI ASSUNZIONI. Il Jobs Act ha fallito, ma la colpa è dell’EURO (di Giuseppe PALMA)

Secondo i dati diffusi oggi dall’INPS, le assunzioni nel settore privato (periodo gennaio-dicembre 2016) registrano una consistente diminuzione (-7,4%), vale a dire 464.000 assunzioni in meno rispetto al 2015, conteggiando anche quelle stagionali.

Ma la notizia sconvolgente è data dalle assunzioni a tempo indeterminato, cioè il principale obiettivo del Jobs Act (seppur con tutela reale per il lavoratore praticamente inesistente). Qui i numeri sono da film horror: nel 2016 ben 763.000 contratti in meno, cioè -35,6% rispetto all’anno precedente!

Finiti gli incentivi, è finito anche il lavoro! E questo perché il lavoro non si crea unicamente con la droga della decontribuzione!

Tuttavia, non è una novità! Da parte mia, sin dalla fine del 2014, avevo previsto con i miei articoli, libri e analisi che il Jobs Act non avrebbe funzionato!

Ma il problema della disoccupazione, come ho più volte dimostrato con i miei scritti, scaturisce principalmente da un fattore: l’EURO! Essendo questo un accordo di cambi fissi, impedisce agli Stati dell’Eurozona di scaricare il peso della competitività sulla moneta, spostandolo sul LAVORO, e ciò vuol dire riduzione dei salari e contrazione delle garanzie contrattuali e di legge in favore del lavoratore. E, per fare questo, occorre tenere alto il tasso di disoccupazione, in modo tale da rendere come accettabili condizioni di lavoro praticamente schiavistiche! Una vera e propria guerra tra poveri!

Io ve lo avevo detto! Lì dove non si può intervenire sul CAMBIO, si interviene sul LAVORO, quindi sui diritti fondamentali. Ora continuate pure a difendere l’euro e a chiedere gli Stati Uniti d’Europa, così la schiavitù sarà definitivamente conclamata. Continuate pure… il popolo vi seppellirà!

Avv. Giuseppe PALMA

Fonte relativa ai dati: http://quifinanza.it/lavoro/jobs-act-assunzioni-74-nel-2016-le-stabili-crollano-a-376/108402/?ref=libero