“La sinistra senza idee rispolvera i fascisti” (articolo di Giuseppe PALMA e Paolo BECCHI su Libero)

Qui di seguito l’articolo di Giuseppe PALMA e Paolo BECCHI su Libero dell’8 ottobre 2017, sulla Legge Fiano in merito ad una manifestazione “antifascista” a Milano.

Ci risiamo. Ecco l’ennesima strumentalizzazione politica. Il solito antifascismo fasullo di fronte ad un fascismo che è morto e sepolto. È il caso della manifestazione che si terrà oggi tra Milano e Sesto San Giovanni, organizzata dall’Aned – Associazione Nazionale Ex Deportati – e dall’Anpi – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – in risposta al danneggiamento avvenuto nella notte tra il 24 ed il 25 settembre ai danni del Monumento al Deportato che si trova al Parco Nord. Fatto senza dubbio deprecabile e punibile con leggi già esistenti. Si legge sul comunicato pubblicato sui giornali: «Una grande manifestazione antifascista per rispondere ai nuovi fascisti».

In pratica, l’ennesima solfa di un antifascismo radical chic contro un fascismo inesistente. Chiunque abbia danneggiato il Monumento è un idiota e un vandalo, e come tale va condannato, ma da qui a farne una manifestazione piena di luoghi comuni e strumentalizzazioni ce ne passa. Del resto, visto che la sinistra si è legata mani e piedi all’euro, giurando alla moneta unica fedeltà cameratesca, non potendo più difendere i diritti fondamentali dei lavoratori ha virato la sua azione politica verso il nulla, combattendo i fantasmi del passato o ergendosi a paladina di alcuni diritti civili, visto che quelli sociali li ha traditi sulla via di Bruxelles e Francoforte. Il fascismo, tanto per essere chiari, esiste oggi solo sulle bottiglie di vino o sugli accendini in vendita in qualche negozio romagnolo. Chi invece danneggia statue o targhe alla memoria è solo un imbecille, non un fascista.

Ma all’idiozia non v’è limite, purtroppo. La manifestazione odierna si ricollega, come si legge da più parti, alla cosiddetta Legge Fiano, cioè a quella proposta di legge liberticida già approvata alla Camera dei deputati e che è in attesa di superare anche il vaglio di Palazzo Madama. Scommettiamo che oggi, durante la manifestazione, si chiederà a gran voce l’approvazione immediata della Legge Fiano? Questa legge antifascista è il peggior prodotto del fascismo: introduce infatti nel codice penale un vero e proprio reato d’opinione, contravvenendo palesemente all’articolo 21 della Costituzione che garantisce a tutti, quindi eventualmente anche ai fascisti, la libertà di pensiero e di espressione dello stesso.

Per di più, tanto per fare chiarezza, la nostra Costituzione non vieta nessun tipo di ideologia, ma si limita a vietare solo la ricostituzione del disciolto partito fascista, e non anche l’ideologia fascista. (XIIesima disposizione transitoria e finale). La Legge Fiano invece, nell’introdurre l’articolo 293 bis del codice penale, punisce con la reclusione da sei mesi a due anni addirittura chi propaganda le idee (avete capito bene, le idee!) del partito fascista o nazionalsocialista tedesco, oppure chi produce, distribuisce, diffonde e vende beni raffiguranti – ad esempio – il volto di Mussolini o la verga fascista, che del resto era un simbolo rievocativo dell’esercito di Roma antica. Per poi passare a punire anche la gestualità rievocativa del ventennio, quindi fate attenzione a mettere le mani sui fianchi o a sporgere il mento in avanti, le porte delle patrie galere potrebbero aprirsi molto presto. Per di più, la pena è aumentata se tutto ciò avviene attraverso strumenti informatici (su internet).

Varrebbe la pena chiedersi perché la Legge Fiano non punisca anche la propaganda stalinista, il cui regime sanguinoso ha sulla coscienza ben 96 milioni di morti, parecchi dei quali deportati – ripetiamo: de-por-ta-ti – in Siberia e lasciati morire in condizioni disumane. Ma si sa, ci sono deportati di serie A e deportati di serie B.

Visto che il deputato Fiano sarà presente alla manifestazione, ci farebbe piacere se riflettesse anche sui morti dello stalinismo e visto che siamo in Italia, del «compagno» Tito, che ha fatto fucilare migliaia di italiani innocenti gettandoli nelle foibe. Ma questa considerazione ha solo un rilievo polemico. In ogni caso leggi che intendono colpire la storia non hanno alcun senso.

Pier Paolo Pasolini nel 1974 scriveva: «Attenti al fascismo degli antifascisti». Son passati più di quarant’anni e il fascismo degli antifascisti si è fatto ancora più pericoloso.

Giuseppe PALMA, Paolo BECCHI su Libero dell’8 ottobre 2017

 

Legge elettorale: VIDEO di presentazione del libro “Come finisce una democrazia. I sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi” (Giuseppe PALMA – Paolo BECCHI)

Video-presentazione del libro “Come finisce una democrazia. I sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi“, Arianna editrice, settembre 2017.

Autori del libro (e-book): Paolo BECCHI e Giuseppe PALMA

Video di Giuseppe PALMA:

§§§§

Per chi volesse acquistare il librohttp://lacostituzioneblog.com/2017/09/22/legge-elettorale-e-uscito-il-libro-di-paolo-becchi-e-giuseppe-palma-come-finisce-una-democrazia-i-sistemi-elettorali-dal-dopoguerra-ad-oggi-arianna-editrice-in-ebook/

 

250.000 visualizzazioni in circa 7 mesi. Grazie a tutti!

Questo blog, nato per difendere i principi inderogabili della Costituzione primigenia, ha aperto i battenti il 14 febbraio 2017. In poco più di sette mesi ha superato le 250.000 visualizzazioni!

E dire che, a parte qualche rara eccezione, sono l’unico che vi ci scrive…

Grazie a tutti e continuate a seguirmi…

Avv. Giuseppe PALMA

Libero presenta il nuovo libro di Paolo BECCHI e Giuseppe PALMA: “Come finisce una democrazia. I sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi”

Dal quotidiano Libero del 23 settembre 2017:

Pubblichiamo in anteprima uno stralcio di Come finisce una democrazia, ebook di Paolo Becchi e Giuseppe Palma uscito per la casa editrice Arianna

Se da un lato il sistema elettorale vigente nel Paese dal 1946 al 1993 rispettava il dettato costituzionale, quelli venuti dopo hanno cercato – chi più chi meno – di manipolare la volontà degli elettori. Nel caso del Mattarellum abbiamo visto come la democrazia rappresentativa e pluralista lasciava il posto ad un sistema maggioritario che – pur non essendo mai finito dinanzi al giudizio della Consulta -vanificava almeno in parte i risultati elettorali ottenuti dai partiti minori (…).

Tuttavia il Mattarellum rientrava ancora nell’architettura costituzionale disegnata dai Padri Costituenti (…). Con il porcellum, invece, le cose sono precipitate perché, oltre ad avere deputati e senatori tutti nominati e non scelti direttamente dai cittadini, la composizione di entrambe le Camere era falsata da un premio di maggioranza attribuito senza neppure la previsione di una soglia minima di voti oltre la quale il premio avrebbe dovuto trovare applicazione. Il problema, oltre che tecnico-costituzionale, è però politico: dalla democrazia rappresentativa della Prima Repubblica (con i suoi difetti) siamo passati alla democrazia dei video-spot, per poi evolverci verso la post-democrazia del clic … È innegabile l’esistenza di un filo rosso che collega le scelte politiche degli ultimi decenni alle leggi elettorali adottate. Il porcellum, infatti, andava nella direzione di esautorare la volontà degli elettori (…). E così anche con i tentativi seguenti. Ci hanno provato sia con le leggi elettorali sia con la Costituzione, ma, visti gli esiti dell’ultimo referendum confermativo dello scorso 4 dicembre, ci sono riusciti solo in parte. Scriviamo «in parte» perché in realtà la Costituzione ha subìto – con esito favorevole – la modifica del 2012 sull’introduzione nella Carta costituzionale del vincolo del pareggio di bilancio, l’ennesimo «vincolo esterno» imposto dalla sovrastruttura europea, del tutto in contrasto con i principi inderogabili della Costituzione. Era solo un tassello del progetto già iniziato con il Trattato di Maastricht e soprattutto con i seguenti regolamenti con i quali è stato introdotto l’euro … In materia di legge elettorale i giochi – al momento – sono ancora aperti. Alla data di uscita di questo libro – nella versione digitale – sul tavolo vi sono ancora quattro possibilità: 1) l’eventuale approvazione entro la fine della Legislatura, qualora vi fossero condizioni politiche favorevoli, del nuovo testo presentato dal Partito Democratico (…) Rosatellum bis; 2) la ripresa del dibattito parlamentare sul modello «tedesco all’italiana»; 3) nessuna nuova legge elettorale con la conseguenza che si andrà al voto con il Legalicum per la Camera ed il Consultellum per il Senato, cioè rispettivamente con l’Italicum ed il porcellum (…); 4) l’armonizzazione delle due leggi elettorali oggi vigenti (Legalicum e Consultellum) attraverso alcuni ritocchi alle stesse, così come auspicato e suggerito dalla Corte costituzionale (…) A parere nostro non esiste un sistema migliore di un altro. Qualunque legge elettorale non può in ogni caso prescindere dal rispetto dei principi costituzionali. (…) Resuscitare il Mattarellum originario sarebbe in effetti la cosa più semplice, ma siamo certi che proprio per questo non avverrà…

Articolo apparso su Libero il 23 settembre 2017.

§§§§§

Per chi volesse acquistare il libro (attualmente disponibile solo in e-book):

L’elenco delle librerie on-line sarà in continuo aggiornamento.

IMPORTANTE! APPENDICE al libro sul MATTARELLUM CAPOVOLTO o ROSATELLUM bis:

 

 

Legge elettorale: è uscito il libro di Paolo BECCHI e Giuseppe PALMA “COME FINISCE UNA DEMOCRAZIA. I SISTEMI ELETTORALI DAL DOPOGUERRA AD OGGI” – Arianna editrice (in ebook)

In primo piano

COME FINISCE UNA DEMOCRAZIA. I sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi

di Paolo BECCHI e Giuseppe PALMA

Arianna editrice, 22 settembre 2017 (in e-book)

Elenco delle librerie on-line presso le quali è possibile acquistare l’e-book:

Il tema della legge elettorale, con tutti i suoi inevitabili tecnicismi, non attira nessuno se non il solito pubblico molto ristretto degli addetti ai lavori o appassionati dell’argomento. Eppure, in fin dei conti, dopo la Costituzione si tratta della legge più importante di un Paese, quella che stabilisce le regole del “gioco democratico” che devono essere rispettose del dettato costituzionale. Ora, il nostro Parlamento è riuscito per ben due volte ad adottare leggi elettorali che, sottoposte entrambe al vaglio della Corte costituzionale, non l’hanno superato.

Sconcertati da tutto ciò abbiamo deciso di presentare un contributo che tracci, in modo sintetico, la storia dei sistemi elettorali che si sono succeduti in Italia dal dopoguerra ad oggi, prospettando ed analizzando anche le possibili soluzioni con le quali andremo a votare alle prossime elezioni politiche: dalle due leggi elettorali uscite dalle sentenze della Consulta numm. 35/2017 e 1/2014 (vale a dire il Legalicum alla Camera e il Consultellum al Senato, cioè l’Italicum e il porcellum così come falcidiati dalla Corte costituzionale), all’ipotesi di un modello tedesco “all’italiana” – un porcellinum con crauti – sul quale sembrava che tutti fossero d’accordo – e che poi si è arenato, sino alla novità dell’ ultima ora rappresentata dal Mattarellum capovolto.

Questa storia infinita dimostra una cosa sola. Renzi con la sconfitta al referendum ha perso la sua battaglia politica e ora sta cercando di fare approvare una legge elettorale in cui tutti saranno al contempo vincitori e perdenti. La conseguenza? Un caos post-elettorale di cui sapranno approfittare i poteri forti. Così finisce una democrazia.

ATTENZIONE!Come finisce una democrazia. I sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi” è uscito a ridosso della presentazione, da parte del Partito Democratico, di una nuova proposta di legge elettorale giornalisticamente definita Mattarellum capovolto o Rosatellum bis, depositata in Commissione Affari Costituzionali alla Camera dei deputati nella seduta di giovedì 21 settembre 2017. Tale nuovo sistema è stato spiegato nel libro molto brevemente e in linea generale, senza eccessivi tecnicismi, anche per entrare sin da subito e a pieno titolo nel dibattito politico e parlamentare. Ciò rende necessaria la pubblicazione di un’APPENDICE/INTEGRAZIONE qui di seguito riportata in pdf, nella quale spieghiamo nel dettaglio (e con i necessari tecnicismi) i meccanismi elettorali del MATTARELLUM CAPOVOLTO o ROSATELLUM BIS (in ordine al testo approvato dalla Camera dei deputati – con voto di fiducia – nella giornata di giovedì 12 ottobre 2017), oltre all’indicazione della scheda elettorale, dei profili di incostituzionalità e di alcune correzioni. Per scaricare l’APPENDICE è sufficiente cliccare sul link sottostante:

L’APPENDICE di cui sopra verrà opportunamente aggiornata nell’eventualità il Mattarellum capovolto o Rosatellum bis giungesse ad approvazione definitiva da parte di entrambe le Camere entro fine Legislatura. 

§§§§§

VIDEO di presentazione del libro:

 

Giuseppe PALMA, Paolo BECCHI

 

La Costituzione scende in Piazza con Giuseppe Palma, che la presenta al pubblico di Ostuni

Martedì 22 agosto 2017 si è tenuta ad Ostuni, cioè nella mia città dove sono nato e vissuto fino ai ventinove anni di età, la presentazione del mio libroLa Costituzione come nessuno l’ha mai spiegata. Un viaggio con la più bella del mondo in occasione dei suoi 70 anni” edito da Key editore.

L’evento si è collocato nel 70° anniversario della promulgazione della nostra Costituzione, che ricorre il 27 dicembre di quest’anno.

Qui di seguito l’intervista che ho rilasciato ad OstuniLive all’indomani della grande serata letteraria ostunese (articolo a cura di Leonardo Zizzi):

§§§

La Costituzione scende in Piazza con Giuseppe Palma, che la presenta al pubblico ostunese

Il costituzionalista e scrittore di origini ostunesi ha presentato ieri sera in Piazza Sant’Oronzo il suo ultimo lavoro a un attento pubblico composto anche da giovani e turisti

Si è svolta ieri sera, 22 agosto, in piazzetta Sant’Oronzo a Ostuni, la presentazione dell’ultimo libro dell’Avvocato Giuseppe Palma, scritto in occasione del settantesimo anniversario dalla promulgazione della nostra Costituzione, che si celebra il 27 dicembre di quest’anno. Il volume, dal titolo: “La Costituzione come nessuno l’ha mai spiegata. Un viaggio con la più bella del mondo in occasione dei suoi 70 anni”, ha visto un’ampia partecipazione di concittadini e turisti affascinati dall’interessante dibattito. A prenderne parte, oltre all’autore, v’erano Giuseppe Francioso, consigliere comunale del Comune di Ostuni nonché organizzatore della kermesse letteraria, e Michele Conte, presidente del Consiglio di Amministrazione del Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale.

I temi affrontati nel libro di Palma riguardano sia il difficile rapporto tra Costituzione italiana e Trattati europei /moneta unica, che una chiara spiegazione dei Principi Fondamentali della Carta. “I diritti fondamentali – dichiara l’autore ai nostri microfoni – sono continuamente sotto attacco da parte delle vili esigenze dettate dalla sovrastruttura europea, quindi dalla commissione europea e dalla Bce. La nostra Costituzione mette il diritto al lavoro in primo piano, tant’è che è inserito sia nel primo che nel quarto articolo della Carta, mentre i Trattati europei, benché parlino di piena occupazione, rinchiudono quest’ultima nella cornice capestro della competitività selvaggia e della stabilità dei prezzi, quindi l’opposto del significato primigenio della nostra Costituzione”. Inoltre, nonostante i temi non di semplice comprensione, il pubblico ha seguito attentamente l’intero incontro fino alla fine, affascinandosi a tal punto da richiederne copia del volume. Il sindaco di Ostuni Gianfranco Coppola e il senatore Vittorio Zizza hanno preso parte all’evento letterario salutando turisti e cittadini.

Palma, che ad oggi ha già scritto e pubblicato ben ventisei libri, concludeva con un’affermazione particolarmente interessante: “I Trattati europei parlano di competitività. Voglio ricordarvi che sono le bestie a competere; l’uomo invece coopera e collabora”. L’autore coglie inoltre l’occasione per ringraziare Giuseppe Francioso, il quale, per il secondo anno consecutivo, si è impegnato affinché le opere letterarie di Palma fossero conosciute anche nella sua città di origine, come in tutta Italia” (http://www.ostunilive.it/news/cultura/516634/la-costituzione-scende-in-piazza-con-giuseppe-palma-che-la-presenta-al-pubblico-ostunese).

Alcune foto dell’evento:

Un breve video di sette minuti che propone uno stralcio della presentazione (come diretta facebook):

https://www.facebook.com/saldifranco48/videos/10212442859417864/

Riporto anche il resoconto della Kermesse letteraria uscito su “OstuniNotizie“: http://www.ostuninotizie.it/it/attualita/2017/08/24/lavvocato-giuseppe-palma-piazza-spiegare-la-costituzione/

Avv. Giuseppe PALMA

 

I 70 anni della Costituzione presentati ad Ostuni. Il 22 agosto Giuseppe Palma presenta il suo libro nella Città Bianca

Ostuni, martedì 22 agosto. In piazzetta Sant’Oronzo, nei pressi della colonna del Santo ubicata in piazza, verrà presentato il libro dell’avvocato Giuseppe Palma La Costituzione come nessuno l’ha mai spiegata. Un viaggio con la più bella del mondo in occasione dei suoi 70 anni, edito da Key editore.

L’appuntamento è per le ore 20;30. L’evento sarà all’aperto e vi potrà partecipare chiunque.

Il 27 dicembre di quest’anno (2017) ed il 1° gennaio dell’anno prossimo (2018) ricorre il 70° anniversario rispettivamente dalla promulgazione e dall’entrata in vigore della nostra Costituzione, non a torto definita “la più bella del mondo”.  Il trentanovenne avvocato Giuseppe Palma, ostunese che vive ed esercita la professione a Milano ormai da diversi anni, autore ad oggi di ben ventisei pubblicazioni, presenta ad Ostuni il suo libro “La Costituzione come nessuno l’ha mai spiegata. Un viaggio con la più bella del mondo in occasione dei suoi 70 anni(prefazione a cura del prof. Paolo Becchi), edito da Key editore.

A presentare il libro di Giuseppe Palma vi saranno l’avvocato ostunese Michele Conte, presidente del Museo delle civiltà preclassiche, e il dott. Giuseppe Francioso, consigliere comunale di Ostuni, il quale ha curato l’idea e l’organizzazione dell’evento.

Quella ad Ostuni sarà la prima presentazione in Italia di un libro sul 70° anniversario della Costituzione, infatti quella di Palma è la prima pubblicazione in merito alla prestigiosa ricorrenza.

La presentazione del libro riguarderà temi attualissimi. Palma illustrerà infatti i principi fondamentali della Costituzione ed analizzerà il rapporto tra Costituzione da un lato e Trattati europei/euro dall’altro, con un occhio di riguardo al tema del lavoro e dei diritti fondamentali.

Seguirà dibattito ed intervento di Autorità politiche comunali e nazionali.

La Città Bianca vi aspetta.

La notizia è stata riportata anche sui quotidiani on-line e cartacei di Ostuni e provincia:

lacostituzioneblog.com

 

 

Pareggio di bilancio in Costituzione: un ATTENTATO alla Carta! (articolo di Giuseppe PALMA sul Giornale d’Italia di oggi)

Propongo qui di seguito la lettura del mio articolo pubblicato oggi, 18 agosto 2017, su Il Giornale d’Italia (a pagina 3): “Pareggio di bilancio, un attentato alla Carta“:

Era l’aprile del 2012 quando un Parlamento sordo e schiavo votava (in seconda votazione) per l’inserimento in Costituzione del vincolo del pareggio di bilancio. L’esito fu devastante: oltre i 2/3 dei componenti di Camera e Senato vi votarono a favore. In tal modo si evito’ il referendum popolare confermativo! In acritica obbedienza e vile sottomissione nei confronti dell’Unione Europea e della Bce, nel marzo di quello stesso anno il Governo Monti firmava il fiscal compact, un Trattato intergovernativo la cui autorizzazione alla ratifica veniva votata dal Parlamento in estate, mentre gli italiani erano impegnati nelle discussioni di calcio-mercato.
In quei 14 mesi che vanno dal giugno 2011 (quando iniziò la tempesta degli spread) all’agosto 2012 (promulgazione da parte di Giorgio Napolitano della legge di autorizzazione alla ratifica del fiscal compact), passando dal novembre 2011 (Colpo di Stato ai danni del Governo Berlusconi IV), in Italia è stata letteralmente sospesa la democrazia costituzionale! Un manipolo di criminali consegnava definitivamente la sovranità nazionale alla finanza e al capitale internazionale. Ma il lavoro sporco iniziato da Mario Monti non è finito con lui: Letta, Renzi e Gentiloni hanno proseguito – e proseguono – lo smantellamento dei principi inderogabili della nostra Carta! Il pareggio di bilancio in Costituzione, ad esempio, ha condotto la Corte costituzionale stessa a riconoscere la tutela dei diritti fondamentali in quanto compatibili con le risorse finanziarie (vedesi ad esempio la sentenza n. 215/2014), rendendo realizzabili i primi solo se compatibili con le seconde.
Questo non perché lo preveda la Costituzione primigenia, capiamoci, ma perché lo prevede la vile revisione costituzionale del 2012 con la quale si costituzionalizzo’ il vincolo del pareggio di bilancio, il quale – impedendo allo Stato di spendere a deficit – pone i diritti fondamentali costituzionalmente garantiti sullo stesso livello (se non addirittura al di sotto) delle disponibilità finanziarie dello Stato, il cui equilibrio è anch’esso un principio costituzionalmente garantito ma solo dopo la revisione costituzionale di cinque anni fa. L’Italia è ormai uno Stato che, tra le altre cose, ha anche perso sovranità monetaria e soggiace schiavisticamente ai vincoli esterni di matrice europea che stuprano in continuazione i principi fondamentali della nostra Costituzione. Dal 2012 ad oggi
Parlamento, Governo e Presidente della Repubblica hanno attentato alla Costituzione! Non è un’esagerazione. È andata proprio così. Ma fate attenzione: l’attentato è ancora in corso di esecuzione…

Avv. Giuseppe PALMA

http://edicoladigitale.ilgiornaleditalia.org/giornaleditalia/books/giornaleditalia/2017/20170818giornaleditalia/index.html#/3/

 

Le sciocchezze di Pasquino (di Giuseppe PALMA)

Ad un professore emerito di Scienze Politiche dell’Università di Bologna, nonché politologo di fama internazionale come il prof. Gianfranco Pasquino, non posso che rispondere scientificamente con due miei papers pubblicati nel 2015. L’uno sull’incompatibilità tra Costituzione e Trattati europei, l’altro sull’incompatibilità tra Costituzione ed eventuale costruzione degli “Stati Uniti d’Europa”.

Nei suoi due tweet di cui sopra il prof. Pasquino richiama sia l’art. 11 della Costituzione, sia il concetto del trasferimento di parte della sovranità nazionale ad organismo sovranazionale. E lo fa avallando sia i trasferimenti di sovranità verso organismo sovranazionale non precisato (errore gravissimo!), sia riportando l’art. 11 della Costituzione quale norma giustificatrice di tali “trasferimenti” (che neppure lessicalmente hanno nulla a che vedere con le “limitazioni” di cui art. 11).

In questi due miei papers (il secondo scritto a quattro mani con il collega avv. Marco Mori) si dimostra che Pasquino ha torto.

Ed ha torto perché dai verbali dei lavori preparatori dell’Assemblea Costituente, che costituiscono fonte autentica di interpretazione della Costituzione, emerge qualcosa di completamente diverso da quello che scrive Pasquino. 

Buona lettura:

a) Giuseppe Palma, “L’incompatibilità tra Costituzione e Trattati dell’Unione Europea” – diritto.it – settembre 2015:

https://docs.google.com/viewerng/viewer?url=http://www.diritto.it/docs/37310-l-incompatibilit-tra-costituzione-italiana-e-trattati-dell-unione-europea/download?header%3Dtrue

b) Giuseppe Palma e Marco Mori, “L’incompatibilità tra Costituzione italiana e l’eventuale costruzione degli Stati Uniti d’Europa – USE – Diritto Italiano – settembre 2015:

Avv. Giuseppe PALMA 

 

“Così il Cavaliere vuole evitare un Salvini pigliatutto” (articolo di Paolo BECCHI e Giuseppe PALMA su LIBERO di oggi)

Proponiamo qui di seguito l’articolo a quattro mani scritto dal prof. Paolo Becchi e dall’avv. Giuseppe Palma, pubblicato su Libero di oggi 6 agosto 2017, a pagina 6.

Titolo: “Così il Cavaliere vuole evitare un Salvini pigliatutto”

 

Testo dell’articolo:

È da tempo che il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, insiste su un sistema elettorale alla tedesca, cioè un sistema sostanzialmente proporzionale in cui ciascuna lista si presenta singolarmente, fatta salva la facoltà – non usata in Germania – che più liste si coalizzino tra loro confluendo in un’unica lista, il cosiddetto listone. Contrariamente a ciò che pensava in passato, di coalizioni tipiche tra singole liste (come avveniva col porcellum) Berlusconi non vuole sentirne parlare, e ciò nonostante il centrodestra unito sia dato oggi praticamente in vantaggio in tutti i sondaggi. Perché?

Eppure Berlusconi non perde occasione, in tv e sui giornali, di rilanciare l’unità del centro-destra. La motivazione del listone al posto della coalizione è tutta politica. Berlusconi sa benissimo che, in caso di legge elettorale che consenta le coalizioni tra singole liste (come avveniva col porcellum, e com’è possibile ancora oggi per l’elezione del Senato, dopo la sentenza di parziale incostituzionalità da parte della Corte costituzionale), Forza Italia potrebbe essere costretta a lasciare la guida del centro-destra, se non addirittura del futuro governo, alla Lega di Matteo Salvini, che i sondaggi danno in forte crescita, perdendo in tal modo il ruolo egemone che ha sempre avuto nella coalizione. Berlusconi, che ha sondaggi ancora più attendibili, lo ha capito.

Per questo ha già più volte ribadito che a settembre occorre ritornare al modello tedesco (che peraltro di tedesco ha ben poco) proprio per creare le condizioni favorevoli alla creazione del listone unico di centro-destra, mantenendo così la Golden Share della coalizione stessa e dell’eventuale futuro governo, relegando Matteo Salvini ad un ruolo subalterno. Senza parlare poi della composizione e dei nominativi dei candidati del listone unitario: se fosse approvata una legge elettorale simile a quella che Berlusconi ha in mente, Forza Italia pretenderebbe il 50% dei collegi uninominali sicuri ed il 50% dei capi-lista bloccati, lasciando l’altra metà in divisione tra Lega, Fratelli d’Italia ed altri possibili alleati che intendano confluire nel listone. In tal modo la forza politica di Salvini sarebbe, sì, importante, ma notevolmente ridimensionata rispetto alla situazione in cui il leader della Lega corresse con il suo nuovo simbolo, in un sistema di coalizioni tra singole liste, vale a dire la tipica alleanza di centro-destra.

In tal modo, oltre alla probabile vittoria elettorale, il centro-destra potrebbe vedere come leader più votato proprio Matteo Salvini, di poco avanti a Silvio Berlusconi. E ciò determinerebbe non solo la scelta della persona da indicare quale Presidente del Consiglio dei ministri, ma soprattutto la linea politica ed il programma di governo da realizzare, che subirebbero una salvifica virata sovranista. Berlusconi tutto questo lo sa. Ecco la ragione del listone. Ma deve anche capire che, se non si parte alla pari proprio con gli alleati (soprattutto sui contenuti del programma politico-elettorale), l’alleanza di centro-destra potrebbe rischiare di non realizzarsi, lasciando la vittoria elettorale nelle mani del M5S.

Paolo BECCHI, Giuseppe PALMA