//Brexit: la Camera dei Comuni cancella 19.000 norme e direttive europee (di Giuseppe PALMA)

Brexit: la Camera dei Comuni cancella 19.000 norme e direttive europee (di Giuseppe PALMA)

Theresa May fa sul serio.

Ieri sera la Camera dei Comuni ha infatto approvato, con 326 voti favorevoli e 290 contrari, la legge con la quale il Regno Unito potrà abrogare lo European Communities Act del 1972, quindi revocare la potestà legislativa dell’Unione Europea sull’UK e inglobare nella legislazione nazionale l’intera normativa euopea per poi decidere quale tenere, quale riformare e quale abrogare.

Il passaggio parlamentare non era nè agevole nè scontato: la maggioranza a Westminster che sostiene il Governo May è risicata, infatti i Consevatori (Tory) devono fare affidamento su dieci deputati appartenenti alla destra unionista irlandese (Dup). Il dibattito è stato molto aspro per via della forte opposizione sia del partito Laburista (Labour) guidato da Jeremy Corbyn che del partito liberal-democratico (Libdem), oltre che degli indipendentisti scozzesi. 

Alla fine Theresa May ce l’ha fatta. Un’eventuale bocciatura della Great Repeal Bill (Grande Legge di Revoca) avrebbe certamente complicato – e non di poco – il percorso della Brexit, dando vita ad un “divorzio” caotico.

Alle elezioni politiche britanniche di giugno i Conservatori di Theresa May, pur ottenendo su base nazionale il 5% di voti in più rispetto a quelli ottenuti da Cameron nel 2015, per effetto del sistema maggioritario di collegio a turno unico si è vista assegnare meno seggi rispetto alle elezioni di due anni fa, rendendo indispensabile per la tenuta di Governo l’alleanza con il Dup. Alleanza che, al primo appuntamento importante, ha retto senza alcuna sbavatura!

La Brexit va avanti e il Governo May fa sul serio. Con buona pace dei filo-europeisti che tentano in tutti i modi di vanificare il chiaro esito elettorale del referendum del 23 giugno scorso.

Avv. Giuseppe PALMA