//Legge elettorale: tutto sembra ormai perduto. Gli abusivi tentano l’ultimo colpo di mano (di Giuseppe PALMA)

Legge elettorale: tutto sembra ormai perduto. Gli abusivi tentano l’ultimo colpo di mano (di Giuseppe PALMA)

Un Parlamento di abusivi, costituitosi per effetto di meccanismi elettorali dichiarati incostituzionali, tenta di sopravvivere in frode al principio inderogabile della sovranità popolare.

La sentenza con cui la Corte costituzionale dichiarava l’incostituzionalità del porcellum risale al gennaio 2014 (sentenza n. 1/2014). Da allora sono trascorsi più di tre anni e mezzo e di approvare una nuova legge elettorale che sia conforme alla Costituzione neppure a parlarne! Scrivo “che sia conforme alla Costituzione” perché nel 2015 fu, sì, approvata una nuova legge elettorale (l’Italicum), ma anch’essa dichiarata incostituzionale dalla Consulta con sentenza n. 35/2017.

Dal mese di gennaio di quest’anno, data della sentenza sull’Italicum, il Parlamento tiracchia a campare pur di arrivare a fine Legislatura, quindi per portare a compimento gli uleriori crimini rappresentati della ratifica del Ceta e dell’approvazione dello Ius Soli.

In tre anni e mezzo gli abusivi sono riusciti ad approvare lo smantellamento dei diritti fondamentali connessi al lavoro (vedesi Jobs Act), ma non sono invece riusciti nell’intento di smantellare la Costituzione, tentativo fallito con un voto contrario di quasi venti milioni di italiani.

Ma il lavoro sporco non è ancora finito. Bruxelles e Francoforte, quindi il capitale internazionale, chiedono ai loro manovali di ratificare il Ceta e di approvare lo Ius Soli. E i nostri abusivi obbediranno!

Siamo ormai a settembre e di legge elettorale neanche a parlarne. Di restituire forza e dignità al popolo italiano neppure se ne intravede l’intenzione.

Io e Paolo Becchi stiamo scrivendo un libro sui sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi, che uscirà non appena sapremo con quale legge (o leggi) elettorale andremo a votare. Comprenderete fino in fondo come e perché – soprattutto negli ultimi dodici anni – sia stata volutamente esautorata la sovranità popolare!

Invito dunque tutti i gruppi parlamentari a trovare un’intesa su una legge elettorale condivisa, che sia conforme alla Costituzione, e di riconsegnare al più presto la parola al popolo italiano!

Avv. Giuseppe PALMA