Clamoroso! La BCE ammette l’IMBROGLIO dell’EURO in un suo documento ufficiale (di Giuseppe PALMA)

Lo diciamo da anni. Da troppi anni. Ma ci prendevano in giro! La “liretta”, la chiamavano… “volete tornare alla liretta così l’Italia fa la fine dell’Argentina” ci dicevano quando presentavamo le nostre tesi in materia di sovranità monetaria!

Ci hanno derisi. Ci hanno confinati nell’oblio dell’informazione. Ci hanno combattuti.

Ora ci danno ragione!

Non ne avevamo bisogno, per carità, ma ristabilire la verità è sempre molto importante. E se la verità la ristabilisce il nemico, ancor meglio!

Leggete cosa scrive la BCE in questo suo dossier dal titolo: “Monetary-fiscal interactions and the euro area’s vulnerability” (Interazioni monetarie e fiscali e vulnerabilità dell’area dell’euro):

Final remarks

In an economy with its own fiat currency, the monetary authority and the fiscal authority can ensure that public debt denominated in the national fiat currency is non-defaultable, i.e. maturing government bonds are convertible into currency at par. With this arrangement in place, fiscal policy can focus on business cycle stabilisation when monetary policy hits the lower bound constraint. However, the fiscal authorities of the euro area countries have given up the ability to issue non-defaultable debt. As a consequence, effective macroeconomic stabilisation has been difficult to achieve. Coordinating the fiscal policy of the individual countries around a common euro area, non-defaultable debt instrument would improve business cycle outcomes. Corsetti et al. (2016) describe this proposal in greater detail and discuss possible challenges, including the risk of a restructuring of national public debt“!

DOCUMENTO UFFICIALEhttps://www.ecb.europa.eu/pub/economic-research/resbull/2017/html/ecb.rb170629.en.html)

Traducendo la prima parte, che è quella più importante, la BCE conclude il suo lavoro con quello che noi diciamo da sempre:

OSSERVAZIONI FINALI

In un’economia con la propria valuta fiat (creata dal nulla – nda), l’autorità monetaria e l’autorità fiscale possono assicurare che il debito pubblico denominato nella moneta fiat nazionale non possa fare dafault […]”!

§§§

Quante volte sono stato deriso quando, a dire queste verità, ero io… quante trasmissioni televisive in cui sono stato zittito! Quanti miei articoli censurati dai giornaloni nazionali! Sto ancora aspettando una risposta dall’economista (economista per modo di dire!) Zingales in merito ad un mio articolo sull’euro per IlSole24Ore.

Per fortuna ho sempre scritto su blog indipendenti (registrando più visualizzazioni dei giornaloni di regime) e su quotidiani nazionali liberi come “Il Giornale d’Italia“, “Libero” (che mi ha intervistato ben due volte!) e “La Verità“, sui quali non ho mai trovato censura alcuna!

Ora è addirittura il nemico a darmi ragione! 

Avv. Giuseppe PALMA

 

6 pensieri su “Clamoroso! La BCE ammette l’IMBROGLIO dell’EURO in un suo documento ufficiale (di Giuseppe PALMA)

  1. SONO SCONCERTATO ED INDIGNATO PER QUESTE MANOVRE OCCULTATIVE AD AMPIO RAGGIO ; ALTRO CASO IN ATTESA DI ESSERE FINALMENTE CHIARITO E AD ALTA LOCA E’ QUEST’IRREFRENABILE INVASIONE CHE NOI ITALIANI STIAMO SUBENDO DA MIGRANTI MEGLIO DIRE, RIPETO, INVASORI CON L’ACCANITO BENEPLACITO DEL TUPAMARO BERGOGLIO E DEGLI ECCLESIASTICI AI SUOI ORDINI, COME QUELL’IMBECILLE DEL VESCOVO GALANDINO, CHE, PUR ESSENDO STATO VESCOVO DI UN PAESE DI QUESTA SVENTURATA E MISERA NOSTRA TERRA DI CALABRIA, OSA ED IMPERIOSAMENTE PARTEGGIARE PER L’ACCOGLIENZA DEL MERDUME AFRICANO E COSI’ IN TANTO STOLTA POSIZIONE LA BOLDRINI, PIETRO GRASSO E QUELL’ALTRO IDIOTA DEL SINDACO DI MILANO, SALA, IN COMBUTTA CON LO SCELLERATO SUO ASSESSORE MAJORINO, CHE HA PROMOSSO LA FANFARONATA MENEGHINA.. SOFFRO TERRIBILMENTE NEL COSTATARE OR ALLA VENERANDA ETA’ DI 77 ANNI, TANTA INSIPIENZA E TANTISSIMO FARABUTTISMO.

  2. Veramente è il concetto di debito pubblico che va dimenticato. Se lo Stato stampa la sua moneta entro i limiti concessigli dall’import export trade, tendenzialmente in pareggio, e con una fiscalità che drena le eventuali eccedenze monetarie, il default sarebbe un termine inesistente. Teniamo presente che l’Italia è da anni in avanzo primario, ma è in deficit solo a causa degli interessi, che con una moneta sovrana non ci sarebbero, come non ci sarebe, appunto, il debito. Debito verso chi? E’ la sovrastruttura bancaria che, avendo usurpato il ruolo sovrano allo Stato, causa il debito pubblico. Che è esploso dopo il 1981, col famigerato divorzio Bankitalia-Tesoro. Al debito privato ci pensano invece le banche commerciali, coi loro interessi usurari, che sarebbero prossimi a zero se fosse una banca pubblica ad erogare i mutui.

  3. A breve non saremo più in grado di pagare gli interessi sul debito pubblico, fatto dalle banche e girato in pagamento agli Italiani debilitati dalla disinformazione, al punto che troppi non capiscono per chi e perchè siamo precipitati in questo abisso.

    Dopo il fallimento, proprio come avvenuto in Grecia, seguirà la dichiarazione di insolvenza, che sarà festeggiata dagli USURAI il cui potere di sequestrare beni concreti in cambio della loro moneta cartacea è la vittoria più attesa sui popoli silenti e disinformati, perché conclama la loro superiorità.

    E’ sufficiente fermarsi a riflettere per accorgersi che tutto il circuito del raggiro produce puntualmente la stritolante metamorfosi: gli usurai, tramite la tecnica dell’ indebitamento impagabile e la dichiarazione d’ insolvenza, trasformano la carta moneta da loro stampigliata a costo zero nel possesso di concreti beni materiali, immobili, imprese efficienti, brevetti, monumenti, opere d’arte e titoli di proprietà delle nostre ricchezze, create da generazioni con intelligenza, lavoro, fatica.

  4. Veramente io l’ho conosciuta e apprezzata tramite imolaoggi.
    Mi fa piacere che la BCE si sia data la zappa sui piedi.

  5. Pingback: Clamoroso! La BCE ammette l’IMBROGLIO dell’EURO in un suo documento ufficiale – Eurocrazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *