//Giacomo LEOPARDI contro l’Europa come Patria e a favore della Nazione (di Giuseppe PALMA)

Giacomo LEOPARDI contro l’Europa come Patria e a favore della Nazione (di Giuseppe PALMA)

Giacomo LEOPARDI, nei “Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura”, esprime un concetto semplicissimo, vale a dire che l’Europa non può esserci data come Patria:

La patria moderna dev’essere abbastanza grande, ma non tanto che la comunione d’interessi non vi si possa trovare, come chi ci volesse dare per patria l’Europa. La propria nazione, coi suoi confini segnati dalla natura, è la società che ci conviene. E conchiudo che senza amor nazionale non si dà virtú grande”.

Questo, in risposta a quelle figure inqualificabili dei “patrioti europei” che, senza alcuna cultura umanistica e privi di qualsivoglia coscienza letteraria, reclamano l’Europa (e nello specifico quel recinto criminale rappresentato dall’Unione Europea) quale Patria di tutti! Una vera idiozia degna di chi confonde – in mala fede – il Continente europeo (composto da tanti Stati sovrani capaci di autodeterminarsi) con la schiavistica sovrastruttura dell’UE, fondata sulle criminali idee neo-liberiste in contrapposizione ai Principi Fondamentali scolpiti nelle Costituzioni nazionali di ciascuno degli Stati europei.

Oggi, il grande Leopardi, sarebbe ingiustamente definito come becero populista! Il grande Leopardi…

Giuseppe PALMA