Forza, Marine! (di Giuseppe PALMA)

Oggi, domenica 23 aprile 2017, si terrà il primo turno delle elezioni presidenziali francesi.

Undici i candidati! I due che stasera avranno ottenuto più voti, senza che nessuno abbia raggiunto il 50% più uno dei consensi, si sfideranno in un secondo turno (ballottaggio) il 7 maggio.

Degli undici candidati, quattro sono i favoriti per accedere al secondo turno: Emmanuel Macron (ministro dell’economia del governo Valls, candidato “indipendente”, sostenuto dall’establishment europeista, dal presidente uscente Hollande ed espressione del “ci vuole più Europa”); Marine Le Pen (parlamentare europea, candidata del Fronte Nazionale, intende portare la Francia fuori dall’euro e dall’UE, oltre che fermare i flussi migratori incontrollati); Francois Fillon (candidato della destra gollista, ex primo ministro, sostiene la bontà delle politiche europee seppur con qualche critica e distinguo rispetto a Macron) e infine Luc Mélenchon (candidato del partito di sinistra, fortemente euroscettico, che intende cambiare i Trattati europei e la moneta unica senza tuttavia uscirne… insomma, una specie di Tsipras gallica)…

Gli ultimi sondaggi danno favorito Macron, seconda la Le Pen… ma in realtà tutti e quattro hanno buone chance di arrivare al secondo turno.

Tuttavia credo che stasera sarà Marine Le Pen ad ottenere più voti. L’elettorato pro-UE e pro-euro si dividerà infatti tra Macron e Fillon, mentre quello anti-UE ed anti-euro, che potrebbe dividersi tra Le Pen e Mélenchon, in realtà si concentrerà più sulla candidata di destra, anche perché il partito socialista – che non ha ricandidato Hollande – ha comunque espresso un candidato (Hamon), quindi i voti di sinistra si divideranno tra Hamon, Mélenchon e in parte Macron, favorendo in tal modo la candidata del Fronte Nazionale nel catalizzare il fronte euro-scettico!

L’eventuale vittoria di Marine Le Pen (qualora confermata anche al secondo turno, altrimenti sarebbe una vittoria di Pirro) porterebbe, come già espresso da più parti in Europa, alla fine del lager rappresentato dall’UE e dall’euro! Con liberazione dei popoli europei… quindi, forza Marine!

Giuseppe PALMA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *