Juncker ammette: “L’Unione Europea non può ridurre la disoccupazione” (di Giuseppe PALMA)

Dopo che mesi fa aveva ammesso che gli “Stati Uniti d’Europa” non si possono realizzare (per fortuna!), adesso ha dichiarato che l’Unione Europea non può ridurre la disoccupazione! Sto parlando del presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker, il quale due giorni fa ha affermato: “Sulla disoccupazione non facciamo altro che incontrarci, proponiamo di ridurla ma questo è fuori dalle possibilità Ue, possiamo stimolare gli investimenti ma ciò non porta alla riduzione sistematica della disoccupazione“. Juncker ha scelto la disoccupazione come esempio di quelle battaglie che non sono alla portata dell’Ue.

Riescono a regolamentare e ad imporci le misure delle vongole e delle banane, o ad approvare risoluzioni dittatoriali che invitano gli Stati membri a mettere il bavaglio alla rete, ma la disoccupazione non sanno proprio come ridurla. Sanno organizzare colpi di Stato per destituire governi democraticamente eletti e sostituirli con uomini della finanza, ma il problema della disoccupazione non è di loro competenza…

L’art. 3, comma 3 del TUE (Trattato sull’Unione Europea), tra gli obiettivi dell’Unione prescrive addirittura la piena occupazione, seppur nell’assurda cornice dell’economia sociale (?!) di mercato fortemente competitiva e della stabilità dei prezzi!

Una parola sola: CRIMINALI!

Giuseppe PALMA

Fonte della notizia: http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2017/03/01/ue-non-puo-ridurre-la-disoccupazione_64eab908-1e93-45d3-8ada-62c5647cf0db.html

 

 

 

Un pensiero su “Juncker ammette: “L’Unione Europea non può ridurre la disoccupazione” (di Giuseppe PALMA)

  1. For this people’s the ruin of Italy was a priority, and with a bunch of idiots help in our representatives they were able to do that, Italy constitution deliberately usurpated only good onest judge like Mike Ruggiero can put this people in jail and the politician’s that helped them achieved this crime take out the Italian citizenship and all their assets

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *