//TOMMASO PADOA-SCHIOPPA E LA DUREZZA DEL VIVERE (di Giuseppe PALMA)

TOMMASO PADOA-SCHIOPPA E LA DUREZZA DEL VIVERE (di Giuseppe PALMA)

Tommaso Padoa-Schioppa, ex ministro dell’economia e delle finanze del Governo Prodi II (aprile 2006 – aprile 2008), nel 2003 ebbe modo di scrivere:

Nell’Europa continentale, un programma completo di riforme strutturali deve oggi spaziare nei campi delle pensioni, della sanità, del mercato del lavoro, della scuola e in altri ancora. Ma dev’ essere guidato da un unico principio: attenuare quel diaframma di protezioni che nel corso del Ventesimo secolo hanno progressivamente allontanato l’individuo dal contatto diretto con la durezza del vivere, con i rovesci della fortuna, con la sanzione o il premio ai suoi difetti o qualità”(fonte: Corsera, 26 agosto 2003).

Padoa-Schioppa è morto nel dicembre del 2010, quindi mi asterrò – nel rispetto della morte – dal fare commenti! Tuttavia, non posso sottrarmi dall’affermare che – al pari di Romano Prodi, Mario Monti, Enrico Letta e tantissimi altri – era un traditore della Nazione e dei principi inderogabili della Costituzione primigenia!

Giuseppe PALMA