L’EURO E’ INCOSTITUZIONALE: la moneta unica NON è conforme all’art. 117 della Costituzione (di Giuseppe PALMA)

 

Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: […] e) moneta […]”

art. 117 secondo comma lettera e) della Costituzione

***

L’Euro, come ho avuto modo di dimostrare più volte, essendo un accordo di cambi fissi impedisce di scaricare il peso della competitività sulla moneta, spostandolo interamente sul lavoro, quindi sui salari e sulle garanzie contrattuali e di legge in favore del lavoratore.

Ciò collide aspramente, ma non è una novità, sia con i principi fondamentali rubricati agli artt. 1 e 4 della Costituzione, sia con la relativa specificazione di cui alle disposizioni costituzionali che vanno dall’art. 35 all’art. 40 (Parte Prima della Carta).

Ma v’è di più, molto di più; qualcosa di più profondo che attiene addirittura all’esercizio della potestà legislativa da parte dello Stato.

Se si legge l’art. 117 della Costituzione vigente, introdotto con la revisione costituzionale del 2001, esso attribuisce allo Stato la legislazione esclusiva sulla moneta [lettera e) del medesimo articolo, secondo comma], quindi, per poter derogare la sovranità monetaria ad altri organismi che non fossero lo Stato italiano, occorreva quanto meno una legge costituzionale, cioè una legge che – nella scala gerarchica delle fonti del diritto – si colloca un gradino al di sotto della Costituzione ma comunque due gradini al di sopra delle leggi ordinarie e un gradino sopra i regolamenti comunitari.

Ciò detto, la moneta unica europea è stata introdotta dapprima con una previsione, attraverso tre diverse fasi, del Trattato di Maastricht, poi con un regolamento comunitario (Reg. n. 1466/97), cioè un “atto giuridico” dell’Unione che produce effetti direttamente vincolanti per gli Stati membri senza la necessità di un atto di recepimento da parte dei Parlamenti nazionali.

Occorre a questo punto precisare che l’autorizzazione alla ratifica dei Trattati internazionali (nel caso di specie il Trattato di Maastricht), avviene attraverso leggi ordinarie, le quali si pongono – nella scala gerarchica delle fonti – su di un livello inferiore sia alla Costituzione che alle leggi costituzionali.

Stesso discorso dicasi per i regolamenti UE, i quali, pur ponendosi al di sopra delle leggi ordinarie, sono comunque al di sotto sia della Costituzione che delle leggi costituzionali.

Ergo, la fattibilità costituzionale di derogare la sovranità monetaria ad un qualsiasi organismo che non fosse lo Stato italiano, non poteva prescindere da un passaggio legislativo “rafforzato” – così come rigidamente prescritto dall’art. 138 della Costituzione – che derogasse appunto alla lettera e) dell’art. 117 secondo comma Cost.

Passaggio che non è avvenuto, infatti l’Euro è stato poi addirittura lanciato sui mercati con regolamento comunitario, il quale, lo ripeto per chi fa finta di non capire, è posto su di un gradino inferiore rispetto alla Costituzione e alle leggi costituzionali.

E se anche si volesse collegare la cessione della sovranità monetaria (atto di per sé illegittimo) alle tre distinte fasi previste dal Trattato di Maastricht, essendo i Trattati internazionali ratificati a seguito di autorizzazione adottata con legge ordinaria, questa – ponendosi al di sotto sia delle leggi costituzionali che della Costituzione – non è idonea a derogare a quanto previsto dalla lettera e) dell’art. 117 comma secondo della Costituzione.

Se poi qualcuno volesse obiettare che nel 1992 (Maastricht) e nel 1997 (regolamento comunitario sopra citato), non vigesse l’attuale formulazione dell’art. 117 Cost., ricordo che all’epoca tutti gonfiarono il petto facendo ricorso improprio all’art. 11 della Costituzione, dimenticando tuttavia di dire che, come si evince molto chiaramente dai verbali dei lavori preparatori dell’Assemblea Costituente, le limitazioni di sovranità nazionale – in condizioni di reciprocità con gli altri Stati e nei confronti di organismi sovranazionali che garantissero la pace e la giustizia tra le Nazioni – si riferivano esclusivamente all’Onu e non ad altre tipologie di organismi sovranazionali a divenire (vedesi l’UE), né tanto meno alla rinuncia della sovranità monetaria, la quale, rientrando nel più vasto concetto di sovranità dello Stato, è da considerarsi certamente inderogabile. 

Ciò detto, la potestà dello Stato sulla moneta è – con buona pace degli stenografi di regime – ESCLUSIVA, quindi NON DEROGABILE!

Tutto ciò dimostrato, e considerato altresì che la moneta unica è entrata materialmente in circolazione il 1° gennaio 2002 (quindi dopo il referendum popolare confermativo sulla revisione costituzionale del 2001 che ha introdotto la vigente formulazione dell’art. 117 Cost., che ebbe esito positivo), concludo con l’affermazione che l’Euro è palesemente incostituzionale!

 ***

Avv. Giuseppe PALMA

articolo di Giuseppe Palma pubblicato su AbruzzoWeb il 16 gennaio 2017: http://www.abruzzoweb.it/contenuti/-vi-spiego-l-incostituzionalita-dell-euro-il-giurista-anti-ue-e-lo-stato-che-conta-/617627-4/

 

9 pensieri su “L’EURO E’ INCOSTITUZIONALE: la moneta unica NON è conforme all’art. 117 della Costituzione (di Giuseppe PALMA)

  1. Bisogna anche ricordare che l’ art. 11 della Costituzione parla di limitazioni della sovranità e non di cessioni della sovranità.

  2. “Se ne deduce che l’eventuale falsificazione non può essere reato?” No!
    Se ne deduce che lo Stato NON è vincolato ad usare l’euro all’interno del suo territorio sovrano, ma puo’ legiferare per creare e gestire una sua propria moneta sovrana (ovviamente nell’interesse del popolo).
    Il fatto che questo non avvenga costituisce una enorme “auto amputazione” della sovranita propria di uno Stato.
    Un Grazie a Giuseppe Palma e a tutto il direttivo di Riscossa Italia per combattere questa epica battaglia contro la dittatura europea.
    Alberto

  3. Perche’ la Corte dei Conti non fa’ rispettare la costituzione?O chi e’ l’incaricato a faro e non lo fa’?

  4. Pur essendo assolutamente una persona che reputa l’Euro uno dei grandi mali del nostro tempo, devo però notare che l’articolo 117 ha lo scopo di definire le materie esclusive sulle quali può legiferare lo stato rispetto alle materie residuali lasciate alle regioni.
    L’aritolo perciò definisce quella che viene definita una “riserva di legge” sulle materie monitarie allo stato.
    Da questo a mio parere si evince che lo stato (purtroppo) può anche legiferare a favore della cessione della sovranità monetaria o sermplicemente recepire un trattato comunitario in questa materia senza violare alcun articolo della costituzione vigente.

  5. I will immediately seze ypur rsss ass I
    cann nott too fjnd your eemail subscription lionk orr e-newsletter service.
    Do you’ve any? Kindlyy leet me know iin order that I mmay jusdt subscribe.
    Thanks. Howdy would yyou minbd sharing whixh blog platform
    you’re using? I’m looking to start mmy ownn blog iin tthe nnear future bbut I’m havbing a diffixult tike decioding between BlogEngine/Wordpress/B2evolution andd Drupal.

    Thhe reson I assk is beccause youur desin sseems different hen mist blogs and I’m lopoking
    for something coompletely unique.P.S Apoloties foor gettiing off-topic but I hhad
    too ask! I couldn’t rrefrain frlm commenting.

    Very wll written! http://foxnews.net

  6. I’ve been browsing online more than 3 hours today, yet I never found any
    interesting article like yours. It is pretty worth enough for me.
    In my opinion, if all website owners and bloggers made good content as you did, the net will be much more useful than ever before.

  7. Le mie congratulation a lei Giuseppe Palma e a tutto lo staff di Riscossa Italia ,ho una domanda per lei essendo ritenuto incostituzionale l’euro non e’ legal a Tutsi glib effects,i magistrati Sano questo ma visto e confessor chew non Si vogliono interessare,chi e’ Al di supra di loro?Vorrei una petizione per farla firmware a dei connazionali all’estero creed chew pup’ agitate?

  8. Avv. G. Palma grazie per la chiarezza.
    COME AL SOLITO I NOSTRI GOVERNANTI,
    “quelli che ci sanno fare”…
    CI PORTANO ALLA ROVINA INCONSAPEVOLMENTE,
    vista la loro incultura giuridica!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *